Contattaci

035 19964680

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10 - 13

Email

bergamo@dirittilavoro.it

Home avvocato del lavoro

avvocato del lavoro

Verbale unico di accertamento e notificazione - Impugnazione del verbale unico di accertamento e notificazione - Ispettorato Territoriale del Lavoro. Secondo quanto previsto dall'art 13, c. 4, alla diffida ed alla contestazione degli illeciti amministrativi il personale ispettivo provvede esclusivamente con la notifica di un unico verbale di accertamento e notificazione. La Circolare ministeriale evidenzia come la funzione del verbale unico risulta essere quella di racchiudere in un unico atto di natura provvedimentale la constatazione e notificazione di tutti gli illeciti riscontrati...

Reato e licenziamento - Illegittimità del licenziamento Nei licenziamenti per ragioni disciplinari, anche se la disciplina collettiva preveda un determinato comportamento come giusta causa o giustificato motivo soggettivo di recesso, il giudice investito dell'impugnativa deve comunque verificare l'effettiva gravità della condotta addebitata al lavoratore. E' ribadendo questo principio, già fatto proprio dalla giurisprudenza di legittimità, che la Corte di cassazione ha confermato lquanto deciso dalla Corte di appello di Cagliari, sezione distaccata di Sassari, la quale aveva dichiarato illegittimo il licenziamento intimato...

Congedo parentale - Controlli datoriali - Licenziamento per giusta causa. Il dipendente che fruisce dei congedi parentali deve occupare in misura prevalente il proprio tempo per accudire il figlio; se durante i periodi di permesso si occupa di attività differenti, del tutto estranee ai fabbisogni del minore, si concretizza uno sviamento dalla funzione tipica del congedo parentale, che legittima la scelta del datore di lavoro di interrompere il rapporto per giusta causa. La Corte di Cassazione con la sentenza 509/2018 pubblicata ieri,...

Insinuazione al passivo - procedura concorsuale - domande tempestive e tardive - a chi rivolgersi. I lavoratori che non percepiscono dal proprio datore di lavoro il pagamento delle somme spettanti, quali retribuzioni, tfr, ferie, permessi etc., non devono disperarsi, ma devono affidarsi ad un avvocato del lavoro il quale procederà al recupero delle somme mancanti  ai sensi della normativa di legge: quest’ultima, infatti, non consente il recupero integrale delle somme non pagate, ma solo parziale. Per evitare di perderle, tuttavia, la strada...

Rissa e licenziamento: Litigio nei locali aziendali – Rissa all’esterno della società – Lesioni con arma – Licenziamento – Illegittimità del licenziamento. Il comportamento del dipendente che, dopo aver avuto un’accesa discussione nei locali aziendali con un collega in presenza di altri dipendenti e avventori, prosegue il litigio all’esterno del perimetro aziendale, rendendosi responsabile di una rissa sfociata in lesioni al collega con armi da taglio, non integra gli estremi del licenziamento, né per giusta causa, né per giustificato motivo soggettivo...

Contestazione disciplinare tardiva - Licenziamento per giusta causa - Impugnazione del licenziamento - Illegittimità del licenziamento - Tutela indennitaria. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto il rilevante contrasto interpretativo sorto in merito al regime sanzionatorio da applicare ai licenziamenti che risultano illegittimi per tardività della contestazione disciplinare. La questione riguarda i licenziamenti per i quali ancora trova applicazione l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. La controversia da cui scaturisce la sentenza era stata promossa da un lavoratore cui l’azienda...