Contattaci

035 19964680

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10 - 13

Email

bergamo@dirittilavoro.it

Home Contestazione disciplinare

Contestazione disciplinare

Contestazione disciplinare tardiva - Licenziamento per giusta causa - Impugnazione del licenziamento - Illegittimità del licenziamento - Tutela indennitaria. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto il rilevante contrasto interpretativo sorto in merito al regime sanzionatorio da applicare ai licenziamenti che risultano illegittimi per tardività della contestazione disciplinare. La questione riguarda i licenziamenti per i quali ancora trova applicazione l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. La controversia da cui scaturisce la sentenza era stata promossa da un lavoratore cui l’azienda...

Contestazione disciplinare – Giustificazione del lavoratore – Sanzione disciplinare – Impugnazione della sanzione disciplinare Il diritto alla difesa, e quindi anche il diritto a spiegare le proprie ragioni, è riconosciuto dalla Costituzione. Lo Statuto dei Lavoratori poi ha specificamente applicato tale diritto al caso delle sanzioni disciplinari, stabilendo che nessun provvedimento può essere adottato nei confronti di un lavoratore se prima non gli è stato contestato dettagliatamente l'addebito che gli viene mosso e non gli viene permesso di giustificare il proprio...

Il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore senza  avergli preventivamente contestato l’addebito e senza averlo sentito a sua difesa. La contestazione deve essere intimata (ad eccezione che per i rimproveri verbali) in forma scritta e deve soddisfare i requisiti della specificità, immediatezza e immutabilità. Il rigoroso controllo della presenza di tali requisiti da parte del giudice suggerisce l'opportunità di una  consulenza giuridica da parte di un avvocato che si occupa di diritto del lavoro per...

In questa scheda parliamo di licenziamento di quali sono i tipi di licenziamento (licenziamento per giusta causa o per giustificato motivo), di cosa si deve fare quando si riceve un licenziamento e quali sono i diritti. Il licenziamento si definisce disciplinare (ovvero: licenziamento per giusta causa) quando viene intimato al lavoratore per asserite responsabilità oggettive, cioè legate a inadempimenti o condotte lesive del rapporto fiduciario che deve intercorrere tra lavoratore e datore di lavoro. Il licenziamento disciplinare soggettivo può determinare una...