Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10-13

Email

bergamo@dirittilavoro.it

 

Blog

Licenziamento collettivo ed i criteri di scelta

Quali sono i criteri di scelta che il datore di lavoro deve adottare nel caso in cui intenda effettuare un licenziamento collettivo / mettere in mobilità i propri dipendenti?

La legge (artt. 24 e 5 L. 223/1991) stabilisce regole ben precise per l’individuazione dei soggetti nei cui confronti deve essere attuato il licenziamento collettivo.

È infatti previsto che l’individuazione di tali soggetti debba avvenire sulla base dei criteri stabiliti mediante accordo tra organizzazioni sindacali e azienda.

In caso di mancanza di accordo, la legge prevede che l’individuazione debba avvenire secondo criteri oggettivi e imparziali, evitando qualsiasi discriminazione in danno di soggetti eventualmente sgraditi dall’impresa per motivi personali (svolgimento di attività sindacale o politica, fede religiosa, razza, sesso, malattie subite e altri ancora).

Per tale motivo la legge stabilisce che debbano essere seguiti i seguenti criteri, da applicare in concorso gli uni con gli altri: a) carichi di famiglia; b) anzianità (di servizio e anagrafica); c) esigenze tecnico-produttive e organizzative.

L’impresa è poi tenuta a rispettare le percentuali di soggetti invalidi o comunque di assunti obbligatori, nonché di donne lavoratrici.

La violazione di questi criteri determina: la annullabilità dei licenziamenti e l’ordine di reintegrazione nel posto di lavoro; la condanna dell’azienda al risarcimento del danno patito dal lavoratore, in termini di mancata percezione della retribuzione, nella misura minima di 5 mensilità.

Per i lavoratori assunti dal 7 marzo 2015, cui si applica il contratto a tutele crescenti ex D. Lgs. 23/2015, è invece prevista una sanzione esclusivamente economica (due mensilità per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a quattro e non superiore a ventiquattro mensilità).

È bene ricordare che anche per ottenere l’accertamento della violazione dei criteri di scelta è indispensabile procedere all’impugnazione del licenziamento con un atto scritto, anche extragiudiziale, nel termine perentorio di 60 giorni dalla comunicazione del licenziamento.

Nessun commento presente

Inserisci il tuo commento

Utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano cookie sul tuo dispositivo. I cookie sono utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sulla navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Puoi scegliere se abilitare i cookie statistici e di profilazione. Privacy Policy