Contattaci

035 19964680

Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10 - 13

Email

bergamo@dirittilavoro.it

Home comporto quando la malattia non si computa nel comporto

Blog

quando la malattia non si computa nel comporto

QUANDO LA MALATTIA NON SI COMPUTA NEL COMPORTO?
La corte di cassazione, con la sentenza n. 5749 del 27 febbraio 2019, è intervenuta sul tema del comporto e dei casi in cui la malattia non deve essere considerata ai fini del suo superamento.
Partiamo dalla massima: le assenze del lavoratore dovute ad un infortunio sul lavoro ovvero a malattia professionale, in quanto riconducibili alle generali nozioni di infortunio e malattia sono normalmente computabili nel periodo di conservazione del posto di lavoro. Affinché l’assenza per malattia possa essere detratta dal periodo di comporto, non è sufficiente che la stessa abbia origine professionale, e cioè meramente connessa alla prestazione lavorativa, essendo necessario che, in relazione ad essa e alla sua genesi, sussista una responsabilità del datore di lavoro, ex art. 2087 c.c.
La corte è giunta a tale massima ribadendo preliminarmente il consolidato orientamento secondo cui l’art. 2087 non configura un’ipotesi di responsabilità oggettiva, in quanto la responsabilità del datore di lavoro, di natura contrattuale, va legata alla violazione degli obblighi imposti da norme di legge o suggeriti dalle conoscenze sperimentali o tecniche del momento. Di conseguenza, incombe al lavoratore che lamenti di avere subito, a causa dell’attività lavorativa svolta, un danno alla salute, l’onere di provare, oltre all’esistenza di tale danno, la nocività dell’ambiente di lavoro, nonché il nesso tra l’una e l’altra, e solo se il lavoratore abbia fornito tale prova sussiste per il datore di lavoro l’onere di provare di avere adottato tutte le cautele necessarie ad impedire il verificarsi del danno.
Quini, la riconosciuta dipendenza delle malattie da una causa di servizio non implica necessariamente, né può fare presumere, che gli eventi dannosi siano derivati dalle condizioni di insicurezza dell’ambiente di lavoro, potendo essi dipendere piuttosto dalla qualità intrinsecamente usurante della prestazione lavorativa e dal conseguente logoramento psico-fisico del dipendente, restando tale ipotesi al di fuori dell’art. 2087 c.c., che riguarda una responsabilità contrattuale ancorata a criteri probabilistici e non solo possibilistici. In altri termini, la prova della causa di servizio dell’evento patologico deve essere valutata in termini di ragionevole certezza, nel senso che deve essere ravvisata in presenza di un rilevante grado di probabilità, non già di mera possibilità dell’origine professionale.
Con riguardo quindi alla controversia, la cassazione ha ribadito il principio di diritto secondo cui le assenze del lavoratore dovute a malattia professionale devono essere conteggiate nel periodo di comporto solo quando, in relazione ad essa e alla sua genesi, sussista una responsabilità del datore di lavoro, ex art. 2087 c.c.