Orario

lun-gio 10 - 13 | 15 - 19 ven 10-13

Email

bergamo@dirittilavoro.it

 

impugnazione del licenziamento Tag

Controllo della posta elettronica e licenziamento – Assenza di previo accordo sindacale – Licenziamento – Impugnazione del licenziamento - Avvocato del lavoro Bergamo. Nel caso in esame un dipendente, dopo avere inviato una serie di e-mail contenenti ingiurie e volgarità nei confronti di superiori e colleghi, ha cercato ripetutamente di cancellarle non ricordandosi che il server aziendale, periodicamente, duplicava i file. Il datore di lavoro, a seguito della...

Licenziamento del dirigente La peculiarità della disciplina inerente il licenziamento dei Dirigenti è stata oggetto di diverse pronunce da parte della Corte di Cassazione la quale – tenuto conto anche di quanto previsto dal CCNL Commercio e dal CCNL Industria – ha cercato di inquadrare la fattispecie e di dirimere le questioni più controverse. Le norme sui licenziamenti individuali di cui alla L. 604/1966 non trovano applicano per...

Licenziamento - Impugnazione del licenziamento - Illegittimità del licenziamento - Unicità del soggetto imprenditoriale - Applicaizone dell'art 18 St. Lav. Nuova vittoria per DirittiLavoro: il Tribunale di Milano ha disposto la reintegra in favore di un lavoratore assunto pima dell'entrata in vigore del Jobs Act, dipendente di una società avente meno di 16 dipendenti, ma svolgente attività in modo promiscuo anche in favore di altra società, e...

Penichella sul posto di lavoro – Licenziamento per giusta causa – Impugnazione del licenziamento – Cassazione: legittimità o meno del licenziamento. Tempi duri per chi si concede una pennichella sul posto di lavoro. La Cassazione ha deciso di usare la linea della tolleranza zero verso quei lavoratori che durante l’orario di servizio si concedono una bella dormita invece che svolgere le loro mansioni. La sentenza ha ribaltato la...

Licenziamento orale - Licenziamento per giusta causa - Mancato pagamento delle retribuzioni, delle competenze e spettanze di fine rapporto - Illegittimità del licenziamento per giusta causa - Risarcimento dei danni e pagamento delle retribuzioni arretrate La lavoratrice iniziava a prestare servizio in favore della società in forza di un contratto di apprendistato di durata triennale - con mansione di Apprendista ed inquadramento nel livello 3 CCNL Studi...

É legittimo il licenziamento del responsabile del personale che, animato da un intento punitivo nei confronti di un lavoratore a lui gerarchicamente subordinato, lo ha trattato da “sorvegliato speciale” (Corte d’Appello di Milano, sentenza 29 febbraio 2016). Nel caso in esame, il responsabile del personale aveva assunto un particolare atteggiamento nei confronti di un suo diretto dipendente il quale veniva trattato da “sorvegliato speciale”, ovvero riceveva continue intimidazioni...

In tema di licenziamento per giusta causa la Corte di Cassazione ha statuito l'illegittimità del provvedimento espulsivo nei confronti di un dipendente che si era rifiutato di svolgere mansioni superiori e differenti rispetto a quelle contrattualmente previste, ovvero mansioni rientranti in un superiore livello di inquadramento contrattuale previsto dal CCNL applicato, livello che – nonostante le ripetute richieste – non gli era stato mai riconosciuto. La Suprema...

La disciplina relativa al licenziamento del dirigente è stata oggetto di diverse pronunce da parte della Corte di Cassazione la quale – tenuto conto anche di quanto previsto dal CCNL Commercio e dal CCNL Industria – ha cercato di inquadrare la fattispecie e di dirimere le questioni più controverse. Le norme sui licenziamenti individuali di cui alla L. 604/1966 non trovano applicano per i dirigenti e, salvo...

La Suprema Corte ha sancito che, anche una condotta illecita, estranea all'esercizio delle mansioni del lavoratore subordinato, quale lo spaccio di sostanze stupefacenti al di fuori dell'azienda, può avere un rilievo disciplinare poiché il lavoratore è assoggettato non solo all'obbligo di rendere la prestazione, bensì anche all'obbligazione accessoria di tenere un comportamento extralavorativo che sia tale da non ledere né gli interessi morali e patrimoniali del...

Con sentenza n. 10842 del 25 maggio 2016 la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente che aveva fatto registrare la sua presenza in servizio da un collega, tramite il proprio badge: il sistema di rilevazione era stato alterato solo una volta, per cinquanta minuti ed il ritardo del dipendente era dovuto ad un incidente stradale. La Suprema Corte ha rilevato che la sanzione...

Utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano cookie sul tuo dispositivo. I cookie sono utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sulla navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Puoi scegliere se abilitare i cookie statistici e di profilazione. Privacy Policy